incentivi-lavoro-impresa-contributi-invitalia

Al via dal 12 ottobre il nuovo incentivo “Contratti per la logistica nei settori agroalimentare, pesca e acquacoltura, silvicoltura, floricoltura e vivaismo”

A partire dalle ore 12:00 del 12 ottobree fino alle ore 17:00 del 10 novembre 2022, sarà possibile presentare la domanda per ottenere i finanziamenti di Contratti per la logistica nei settori agroalimentare, pesca e acquacoltura, silvicoltura, floricoltura e vivaismo, il nuovo incentivo del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf), gestito da Invitalia.

L’agevolazione, a cui sono stati destinati dal Mipaaf 500 milioni di euro a valere sui fondi del PNRR (Missione 1 – Componente 2 – Investimento 2.1), ha l’obiettivo di potenziare i sistemi di logistica e stoccaggio del settore agroalimentare, ridurre i costi ambientali ed economici e sostenere l’innovazione dei processi di produttivi verso forme produttive più sostenibili.

Potranno ottenere i finanziamenti, in forma individuale o associata, le imprese, le società cooperative, i consorzi che operano nel settore agricolo e agroalimentare, le Organizzazioni di produzione, le imprese commerciali e/o industriali e/o addette alla distribuzione, presenti su tutto il territorio nazionale.

L’importo massimo delle agevolazioni concedibili per i progetti di investimento, con l’esclusione di eventuali progetti di ricerca, sviluppo e innovazione, ammonta a 12 milioni di euro.

mario draghi aiuti ter bollette

“Aiuti ter” pieno di bonus: Bollette, trasporti e benzina

Nelle nuove misure anti crisi 150 euro contro il caro energia e più risorse per le imprese “gasivore”

«Sostegno ai più deboli, alle piccole e medie imprese, questa è l’agenda sociale del governo che ho avuto l’onore di presiedere». Col decreto aiuti ter, approvato ieri in consiglio dei ministri, il premier Draghi sintetizza così in conferenza stampa l’ultimo miglio del suo esecutivo. Tono deciso, a tratti pungente, nessun commento sulla campagna elettorale. Solo la certezza che no, «non ci sarà alcun secondo mandato», e qualche frecciatina rivolta ai partiti. Come la Lega, che premeva per finanziare gli aiuti con scostamenti di bilancio che il premier ha sempre negato. Del resto il provvedimento approvato ieri ha recuperato 14 miliardi per sostenere imprese a famiglie di fronte al caro energia. E se si sommano, rivendica Draghi, ai 17 miliardi del decreto precedente «siamo a quota 31 miliardi». Spiegando: «Sembra rispondere alla richiesta di scostamento, a meno che non si voglia chiedere uno scostamento ogni mese. L’andamento dell’economia italiana ci consente di aiutare famiglie e imprese senza fare uno scostamento dei conti pubblici». Se poi, il decreto aiuti ter si somma a tutte le precedenti misure per imprese e famiglie «nel complesso si arriva un valore superiore a 60 miliardi di euro pari al 3,5% del Pil. Quindi siamo tra i paesi che hanno speso di più in Europa». Precisa il ministro dell’Economia Daniele Franco: «Con 8 interventi abbiamo stanziato 64 miliardi, di cui 43 pro energia». Aiuti che si collocano in una valutazione prudente sulle stime di crescita: «Rallentamento sì, ma non vedo ancora sintomi di recessione», dice Draghi. (Il Giornale)

Dubai-il-World-Trade-Center-apre-al-trading-uese international forum

UESE ITALIA premia gli imprenditori che decidono di certificarsi

La scelta di certificare la propria azienda è una decisione importante che cambia le prospettive dell’organizzazione. Mai come adesso l’efficienza e, quindi, la riduzione dei costi aziendali non è mai stato cosi importante. Certificarsi ISO 9001 permette di tenere meglio sotto controllo i problemi durante la produzione e, quindi di ridurre gli sprechi ed incrementare l’efficienza dei processi (riducendo quindi i costi aziendali). Tante le iniziative che negli anni abbiamo rivolto ai nostri clienti, ma adesso abbiamo deciso di dare un supporto concreto a tutti coloro che, investendo nei processi, guardano ai nuovi mercati. “Grazie all’accordo con i nostri partners esteri, le aziende che ci affideranno l’implementazione del loro sistema di gestione entro Giugno 2023, riceverà 2 biglietti omaggio per DUBAI WORLD TRADE CENTRE, centro di affari internazionali sempre più accreditato per incontrare nuovi clienti e sviluppare il proprio business durante UESE International Forum” con orgoglio ha confermato il presidente Giuseppe Izzo. (Contattare il nostro supporto commerciale per maggiori spiegazioni al 0418723001).

certificazione-fgas

UESE ITALIA diventa Organismo di Valutazione per l’attività di valutazione delle competenze F-Gas

UESE ITALIA diventa Organismo di Valutazione per l’attività di valutazione delle competenze delle persone secondo il regolamento CE 304/2008. Siglato l’accordo il 25 Luglio scorso e supera il 2 Settembre la procedura di valutazione per la valutazione delle competenze degli operatori F-Gas. Un traguardo ambito da tempo, mette in condizione UESE ITALIA di fornire un servizio di alto profilo a tutti i professionisti che svolgono attività su apparecchiature fisse di refrigerazione e condizionamento d’aria, pompe di calore fisse contenenti gas fluorurati ad effetto serra secondo il R (UE) 2015/2067 nel rispetto del DPR 146/2018.

500x300-fondo nuove competenze

Fondo nuove competenze 2022. UESE ITALIA è in campo: Risorse in attesa di decreto.

Fondo nuove competenze 2022. UESE ITALIA è in campo: Risorse in attesa di decreto.

Fondo nuove competenze 2022. UESE ITALIA è in campo: Risorse in attesa di decreto. Prime anticipazioni sul decreto, in ritardo per la crisi di governo, attuativo del Fondo nuove competenze 2022 ampliato dal DL 17 2022 ” Energia”.

L’art. 24 del DL 17/2022  cosiddetto Decreto energia, convertito in legge 34 2022 del 27 aprile 2022 ha esteso le possibilità di utilizzo  del  Fondo Nuove competenze   destinato al sostegno dei datori di lavoro per la   riqualificazione  dei lavoratori dipendenti

In particolare la novità consiste nel datto che possono presentare istanza  non solo le aziende danneggiate  dalle conseguenze della pandemia COVID  19 e quelle interessate alla transizione ecologica e digitale (DL 146 2021) ma anche i datori di lavoro che 

  •  abbiano sottoscritto accordi di sviluppo per progetti di investimento strategico, ai sensi dell’art. 43 del DL 25.6.2008 n. 112, conv. L. 6.8.2008 n. 133,
  •  siano ricorsi al Fondo per il sostegno alla transizione industriale di cui all’art. 1 co. 478  della L. 30.12.2021 n. 234 (legge di bilancio 2022).

in relazione ai quali  sia necessario un adeguamento  delle competenze del personale.

Si ricorda che  il Fondo nuove competenze è un fondo  di finanziamento a fondo perduto, nato  inizialmente per contrastare gli effetti economici dell’epidemia Covid-19.

Permette alle imprese di  innovare la produzione  adeguando le competenze dei lavoratori, durante l’orario di lavoro, ma  limitando i costi.

Le ore di stipendio del personale in formazione e i relativi contributi previdenziali , infatti,  sono a carico del Fondo, che è stato  istituito  dal decreto Rilancio (n. 34/2020)  e rifinanziato  con risorse più che  raddoppiate  dal Decreto Agosto (n.104/2020)  oltre che dal Fondo sociale europeo.

Per ottenere il finanziamento dei progetti  formativi è necessaria la firma di accordi sindacali preventivi.

La gestione è affidata ad ANPAL.

L’operatività del Fondo è attualmente sospesa per la mancanza di un nuovo decreto interministeriale attuativo previsto dal decreto Fisco lavoro n. 146 2021 per l’utilizzo di nuove risorse in arrivo dall’unione europea legate al Fondo React EU.

La crisi di governo sta ritardando ulteriormente l’emanazione del decreto attuativo

Fondo nuove competenze 2022: Decreto in arrivo

Alcune indiscrezioni dal Ministero del lavoro anticipano che il decreto è già stato definito anche con un confronto con le parti sociali , che da tempo premono per la ripresa dei finanziamenti,  ma si attende ancora  l’ok del Ministero dell’Economia.

 Sembra che:

  • la misura di finanziamento  della contribuzione previdenziale relativa alle ore di formazione dei lavoratori resterà fissata al 100% mentre la retribuzione godrà di un finanziamento del 75% massimo
  • sono previsi maggiori controlli sulla qualità degli interventi formativi
  • le attività potranno essere finanziate attraverso i Fondi paritetici interprofessionali
  • godranno di particolare attenzione i progetti formativi nei  settori interessati dalla transizione ecologica e digitale

Ad oggi con le risorse assegnate sono stati coperti solo  gli accordi collettivi aziendali raggiunti entro la scadenza del 30 giugno 2021 in 14.500 imprese,  con  circa 20.000 lavoratori coinvolti e  95 milioni di ore di formazione.

unlike report uese italia spa

Humors politici elettorali: UnlikeReport è l’ultimo servizio pubblicato da UESE ITALIA

Anni di esperienza informatica, nella sicurezza e protezione dei dati, nella ricerca della perfezione dei protocolli e nei sistemi di gestione ci hanno consentito di realizzare una piattaforma web based che elabora la web reputation di uno o più profili web. Qualsiasi utente privato, titolari di aziende, politici, professionisti etc…. potrà monitorare gli humors realtime. Un algoritmo che restituisce l’andamento realtime degli humors dei social network. Analizza il comportamento degli utenti ai post pubblicati, condivisioni, reazioni etc. di profili pubblici, ma non si limita solo a questo: analizza i profili e li mette in relazione con quelli omogenei per tipologia, settore, area geografica insomma, un monitoraggio professionale del gradimento social. Per saperne di più o visualizzare il portale web, clicca qui!