Giuseppe Izzo CEO UESE ITALIA

Fuori dalla pandemia con la consapevolezza del valore di essere certificati

L’Italia è tra i Paesi con le PMI più certificate.

L’elevato numero di certificati di Sistemi di Gestione mostra, anche in Italia, il primato della certificazione Qualità ISO 9001 che tipicamente diventa per le organizzazioni un punto di partenza verso certificazioni più specifiche. Per quanto riguarda i Sistemi di Gestione Ambientale (ISO 14001) l’Italia si pone in seconda posizione, dopo la Cina, così come nel numero di certificazioni di sistema di gestione per la salute e sicurezza dei lavoratori (ISO 45001), prima di Regno Unito e India.

L’industria italiana vanta una forte presenza di piccole e medie imprese, in cui l’elevata integrazione nelle catene del valore internazionali e competitività basata sulla qualità del prodotto o servizio offerto giustificano maggiormente le richieste di certificazione. La qualità in fabbrica è un plus che può snellire e rendere più efficienti i processi produttivi, facilitare la penetrazione nei mercati internazionali e garantire qualità e controllo al consumatore di prodotti italiani.

Analizzando nello specifico le certificazioni di Sistemi di Gestione per la Qualità è significativo notare che l’Italia abbia il doppio dei certificati della Germania e più del quadruplo della Francia.

In Italia, il requisito obbligatorio di possedere un sistema di gestione per la qualità certificato da un organismo accreditato per partecipare ai bandi pubblici nel settore delle costruzioni, ha sicuramente condizionato negli anni la diffusione di tale strumento. (Fonte L’Industriale)