Corsi formazione 4.0

Corsi formazione 4.0

Corsi formazione industria 4.0 rappresentano i principi di base dell’industria 4.0, l’obiettivo dei corsi è illustrare le caratteristiche salienti, le novità, i vantaggi e i risvolti dell’applicazione dell’industry 4.0. 

Inoltre la Finanziaria 2020, ha esteso a tutto il 2020 il credito d’ imposta formazione 4.0 che prevede un credito di imposta fino al 50% a fondo perduto.

Abbiamo individuato, in questa delicata fase del mercato, l’opportunità offerta dal Credito d’imposta, Formazione 4.0.

E’ oramai evidente che le aziende che hanno risentito con un effetto ridotto il peso dell’emergenza sanitaria nazionale dovuta al covid-19 sono quelle che negli scorsi anni hanno già avviato una trasformazione della propria organizzazione verso il modello di Industria 4.0. Le aziende più attente decideranno di fare investimenti in questo settore a poter affrontare al meglio le difficoltà che si presenteranno nei prossimi mesi.

La misura del Credito d’imposta Formazione 4.0 prevista dal Piano Nazionale Industria 4.0 ha l’obiettivo di sostenere lo sviluppo tecnologico e digitale delle imprese verso quel modello di Industry 4.0 che oggi il mercato richiede con sempre maggiore forza e urgenza.

I punti di forza sono molteplici:

  • è rivolta ad una larga platea di destinatari: piccole, medie e grandi imprese operanti nei settori più diversificati;
  • il credito è riconosciuto in percentuale variabile, fino ad un massimo del 50%;
  • la formazione può essere realizzata a distanza, attraverso piattaforme dedicate;
  • i temi riguardano lo sviluppo tecnologico e digitale dell’organizzazione aziendale;
  • riduzione del cuneo fiscale e aumento della liquidità nel periodo d’imposta successivo.

Le caratteristiche su elencate della misura si traducono in una estrema adattabilità dei percorsi formativi alle reali esigenze aziendali.

CORSI DI FORMAZIONE BASE ALL'INTRODUZIONE 4.0

CORSO INDUSTRIA 4.0: VANTAGGI DEL MODELLO DIGITALE E ADEGUAMENTO DELL’ORGANIZZAZIONE

CORSO DI EMPOWERMENT ORGANIZZATIVO 4.0

CORSO DI SMART PROBLEM SOLVING 4.0

CORSO LEADERSHIP 4.0

CORSO DI TEAMWORKING 4.0

 

Elenco sintetico dei corsi fruibili

Big Data Analytics
Big Data Infrastructure
Big Data Visualization
CRM 4.0 Marketing Automation e Gestione Clienti

Cybersecurity – Monitoraggio e analisi
Digital Forensic
Osint & threat analysis
Penetration testing
Privacy prevention loss
Security analyst
Sicurezza dei sistemi
Tecniche pratiche di hacking per dipendenti
Sicurezza delle reti

Digitalizzazione dei dati della clientela e sistema privacy: introduzione al processo
Gestire l’innovazione nell’era di industry 4.0
Lean & smart organization
Lean & smart production
Logistica 4.0
Strumenti di digitalizzazione della comunicazione: web marketing e social media marketing
Funzioni avanzate di Excel per progettazione e gestione di report dinamici

Collaborative project management
Data protection compliance
Devops

Esempio esplicativo:

Un’azienda con 30 dipendenti, di cui 10 impiegati e 20 operai potrà attivare un percorso formativo 4.0 che interessi sia l’area amministrativa (potenziando ad esempio le competenze nell’utilizzo dei fogli di calcolo excel per report puntuali; rafforzando la Customer satisfaction e l’analisi e protezione dei dati), sia l’area produttiva (introducendo una nuova modalità organizzativa “snella” della produzione e della logistica). 

Volendo fare anche una semplice proiezione economica: 

l’azienda decide di coinvolgere nel piano formativo 5 impiegati e 15 operai.  

Considerando come costo orario medio lordo un somma pari a 15 € l’ora e un percorso formativo di complessive 150 ore (100 ore per gli impiegati e 50 per gli operai) avremo:

                                                           20 dipendenti x 15 € x 150 ore = 45.000,00 € 

Essendo l’azienda una Piccola impresa potrà richiedere un credito pari al 50% quindi 

                                                                                       22.500,00 € 

da presentare a compensazione per il 2021.

E’ in questi casi che si manifestano tutte le opportunità e potenzialità intrinseche della misura a sostegno delle imprese. Nuovi modelli organizzativi e produttivi che possono sostenere le imprese anche in quel processo di riorganizzazione aziendale dettato dalle nuove indicazioni sulla sicurezza sul lavoro.

La realtà in cui oggi ci troviamo catapultati può e deve rappresentare l’opportunità attraverso cui le nostre aziende e, in generale, il nostro sistema Italia può fare quel balzo in avanti verso una maggiore competitività nazionale. 

La chiave di volta, come sempre, sarà investire nella formazione del nostro personale, prepararlo alle sfide che si presenteranno nel prossimo futuro e puntare ad una riorganizzazione “smart” dei nostri modelli produttivi. Occorre investire nello sviluppo e/o implementazione di quelle competenze digitali spesso sottovalutate. 

I consulenti di UESE ITALIA saranno pronti ad accogliere le vostre richieste, supportarvi nella scelta dei corsi più adatti alle vostre esigenze e stilare insieme a voi una possibile proiezione del Credito di cui l’azienda può beneficiare.

Una formazione 4.0 su misura per il tuo business.

È una delle misure di agevolazione previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0 del Ministero dello Sviluppo Economico, per sostenere il processo di trasformazione tecnologica e digitale delle imprese stimolando gli investimenti dedicati alla formazione del personale dipendente

Il credito d’imposta si utilizza in compensazione, presentando all’Agenzia delle Entrate i modelli F24, a partire dal periodo d’imposta successivo a quello di sostenimento delle spese ammissibili.
I dati relativi al numero di ore e dei lavoratori che prendono parte alle attività formative vanno indicati nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento delle spese ammissibili ed anche nei periodi successivi fino a quando se ne conclude l’utilizzo.

Ai sensi del suddetto decreto 4 maggio 2018, danno diritto al credito d’imposta le attività di formazione finalizzate all’acquisizione e al consolidamento di competenze e conoscenze nelle seguenti tecnologie: big data e analisi dei dati; cloud e fog computing; cyber security; simulazione e sistemi cyber-fisici; prototipazione rapida; sistemi di visualizzazione, realtà virtuale (Rv) e realtà aumentata (Ra); robotica avanzata e collaborativa; interfaccia uomo macchina; manifattura additiva (o stampa tridimensionale); internet delle cose e delle macchine; integrazione digitale dei processi aziendali.

Per le imprese non obbligate alla revisione legale dei conti, la certificazione dovrà essere rilasciata da un revisore legale dei conti o da una società iscritta nella sezione A del registro di cui all’articolo 8 del DL 27/01/10 n.39.

Si, è cumulabile con altre misure di auto aventi a oggetto le stesse spese ammissibili nel rispetto delle intensità massime di aiuto previste dal regolamento europeo 651/2014 (aiuti alla formazione).

No, il credito d’imposta non concorre alla formazione del reddito nè alla base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive.

Per costo aziendale si intende la retribuzione dei dipendenti al lordo di ritenute e contributi previdenziali e assistenziali, comprensiva dei ratei del TFR, delle mensilità aggiuntive, delle ferie e dei permessi, maturati in relazione alle ore o alle giornate di formazione svolte nel corso del periodo di imposta agevolabile nonché delle eventuali di trasferta erogate al lavoratore in caso di attività formative svolte fuori sede.

 

Si, personale dipendente che partecipi agli interventi formativi in veste di docente o di tutor alle attività di formazione ammissibili, contribuisce al calcolo delle spese ammissibili per un massimo del 30% della sua retribuzione complessiva annua.

 

Il credito d’imposta si utilizza in compensazione, presentando all’Agenzia delle Entrate i modelli F24, a partire dal periodo d’imposta successivo a quello di sostenimento delle spese ammissibili.
I dati relativi al numero di ore e dei lavoratori che prendono parte alle attività formative vanno indicati nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento delle spese ammissibili ed anche nei periodi successivi fino a quando se ne conclude l’utilizzo.

 

Si, la normativa prevede che è possibile applicare il credito d’imposta 4.0 da parte di imprese appartenenti allo stesso gruppo, in questo caso la relazione può essere redatta con riferimento ad un unico progetto formativo che indica gli obiettivi formativi comuni al gruppo, un unico report di monitoraggio delle attività, mentre la dichiarazione attestante l’effettiva partecipazione dei dipendenti alle attività formative è elaborata da ogni singola azienda.

 

La formazione 4.0 è agevolata attraverso il Credito d’imposta e rappresenta un’opportunità di crescita per dipendenti e imprese, rendendo la formazione un vero e proprio motore del cambiamento. Grazie al credito d’imposta formazione 4.0, infatti, è possibile dotarsi di strumenti efficaci, ma soprattutto delle competenze adeguate per migliorare la performance aziendale e di tutti i destinatari coinvolti nel bonus formazione.

Sí, i corsi di formazione 4.0 possono essere seguiti anche in modalità FAD – Formazione A Distanza.

Noi di UESE ITALIA offriamo un’esperienza approfondita nell’erogazione di contenuti formativi online e anche nello sviluppo di piattaforme dedicate, assicurando una gestione conforme alla legge attraverso la scelta di strumenti di controllo idonei e la partecipazione costante del percorsale alle attività di formazione.

Per poter beneficiare del credito d’imposta formazione 4.0 e non incorrere in sanzioni, infatti, è necessario dimostrare tutte le attività effettuate, indicate in relazioni dettagliate su modalità e contenuti di formazione, registri nominativi, documentazione contabile e certificazione dei costi sostenuti.

WhatsApp Contattaci su WhatsApp
Cart
  • No products in the cart.