Servizi

Consulenza | Formazione | Sicurezza | D.P.I.

ELENCO DEI PRINCIPALI SERVIZI UESE ITALIA S.p.A.

Di seguito le azioni di consulenza ed i servizi offerti da UESE ITALIA S.p.A. in materia di sicurezza sul luogo di lavoro e di tutela dell’ambiente.

Consulenza sicurezza sul lavoro

  • Valutazione dei rischi nei luoghi di lavoro
  • Valutazione stress da lavoro correlato
  • Valutazione rischio tutela lavoratrici madri
  • Rilievi fonometrici e Rapporto sull’esposizione quotidiana dei lavoratori al rumore e alle vibrazioni meccaniche
  • Valutazione del rischio d’incendio, Piano di emergenza e Piano di evacuazione ai sensi del D.M. 10 marzo 1998
  • Valutazione dell’esposizione dei lavoratori agli agenti chimici pericolosi, cancerogeni, mutageni e biologici
  • Piani di sicurezza e coordinamento (PSC)
  • Piani operativi di sicurezza (POS)
  • Sorveglianza sanitaria (nomina medico competente e laboratorio analisi)
  • Assunzione incarico di Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSP
  • Esami di progetto per l’ottenimento del Certificato di prevenzione Incendi (CPI)
  • Redazione del Documento programmatico sulla sicurezza per la tutela dei dati sensibili (DPS-Privacy)

Formazione sicurezza sul lavoro

La soddisfazione delle aspettative dei clienti, dei dipendenti e, più in generale, di tutti gli attori che, in UESE, intervengono nei processi aziendali, è il principio che guida la definizione degli obiettivi che intendiamo raggiungere e la modalità di utilizzo delle risorse impiegate per il loro raggiungimento.

La nostra mission è legata alle soluzioni di qualità che potremmo definire “Customer Oriented” cioè  realizzate su progetto e specifiche uniche dettate dall’utenza, sia con disponibilità di budget  economici “importanti” sia con budget più ridotti.

L’approccio aziendale alle procedure di qualità è un approccio globale, ne è la sua “spina dorsale” e il suo “modus operandi” nel raggiungimento del massimo risultato qualitativo.  Seguendo questi principi il nostro team ha richiesto ed ottenuto la prestigiosa certificazione ISO 9001:2015 dall’Organismo notificato Certind per il settore EA37 riguardante la certificazione del proprio lavoro di progettazione ed erogazione di attività formative.

Tale riconoscimento è di grande importanza per il team UESE, che sta investendo risorse tecniche e organizzative per potenziare i servizi di formazione professionale e specialistica, per soddisfare le crescenti esigenze formative dei propri clienti.

Eroghiamo i seguenti corsi di formazione per i lavoratori, dirigenti e datori di lavoro:

  • Corso di formazione generale e specifica lavoratori (art. 37 D.lgs. 81/08)
  • Corso per Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione “RSPP” (D.lgs. 81/08 e D.M. 16/01/97)
  • Corso per Rappresentanti per la Sicurezza dei Lavoratori (D.lgs. 81/08 e D.M. 16/01/97)
  • Corso per addetti alla squadra di emergenza (ex D.lgs. 81/08 e ex D.M. 10/03/98)
  • Corso per addetti alla squadra di pronto soccorso
  • Corso mulettisti, escavatori, piattaforme aeree con o senza stabilizzatori, terne
  • Corso di formazione per patentino F-Gas
  • Corso di formazione per patentino Saldatore

Ambiente

  • Redazione documenti per Richiesta di autorizzazione all’emissione in atmosfera
  • Dichiarazioni annuali dei rifiuti MUD (Consulenza annuale per il trasporto e lo smaltimento)
  • Relazione di impatto acustico verso l’esterno
  • Certificazioni dei requisiti acustici passivi degli edifici
  • Autorizzazioni agli scarichi
  • Analisi chimiche aziendali per le emissioni in atmosfera
  • Analisi chimiche aziendali per rifiuti
  • Analisi chimiche aziendali per amianto

Assistiamo le aziende nella progettazione ed elaborazione di sistemi di gestione nel rispetto del Regolamento Europeo 679/2016. Siamo partner per l'Europa di CYBERShark nell'offerta di sistemi di monitoraggio e protezione informatica, con Servizi completi di sicurezza e conformità gestiti a basso costo mensile. Il nostro amministratore delegato Giuseppe Izzo è D.P.O. e socio di

REGOLAMENTO EUROPEO GDPR 679/2016 PRIVACY

CONSULENZA E FORMAZIONE

numero di tessera 101178

Richiedi una Consulenza Privacy GDPR, la normativa sulla privacy è cambiata.

 

In maggio 2016 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea la versione definitiva del testo del GDPR, il Regolamento Europeo 2016/679, cioè il Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati personali delle persone fisiche, nonché alla libera circolazione di tali dati .

Il GDPR è entrato in vigore il 25 maggio 2016 e si applica in tutti gli Stati Membri a partire dal 25 maggio 2018, termine entro il quale le aziende/organizzazioni dovranno adeguarsi alla nuova “legge sulla privacy”.

UESE ITALIA S.p.A., grazie alla sua partecipata UESE International Ltd, specialista nel settore, si permette di ricordarvi che i regolamenti emanati dall’Unione Europea sono immediatamente esecutivi e, pertanto, non devono essere recepiti dagli Stati membri (diversamente previsto per le direttive).

Per le aziende che hanno già affrontato l’applicazione del D.lgs 196/03 (codice della privacy), con una nostra Consulenza Privacy GDPR specifica, oggi la devono integrare con il nuovo Regolamento Europeo che porta una serie di novità, tra le più significative:

  • Il principio della Responsabilità (accountability) che comporterà l’onere di dimostrare l’adozione di tutte le misure inerenti la protezione dei dati, adottate in conformità al Regolamento Europeo;
  • I Registri delle attività di trattamento (art. 30) in cui vengano riportare tutte le attività di trattamento dati svolte sotto la responsabilità del titolare o del responsabile;
  • Le valutazioni del rischio” o meglio Le valutazioni d’impatto sulla protezione dei dati, o Privacy Impact Assessment (art. 35) in caso di trattamenti rischiosi, oppure a seguito di verifiche preliminari per diverse circostanze da parte del Garante; attività ormai consolidata in altri ambiti (sistemi di gestione qualità, sicurezza, ecc.).
  • La designazione del Data Protection Officer (interno o esterno) (art. 37), obbligatorio per autorità o organismi pubblici (eccetto le autorità giudiziarie), per le aziende che richiedono il monitoraggio dei dati su larga scala, oppure aziende che trattano su larga scala dati sensibili, relativi alla salute o alla vita sessuale, genetici, giudiziari e biometrici;
  • Sanzioni particolarmente gravose che possono arrivare sino al 2% del fatturato aziendale.

UESE Consulenza Privacy GDPR, in collaborazione e su mandato di UESE International, effettua consulenza Privacy GDPR e in generale per tutti gli adempimenti connessi al nuovo Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati, con l’obiettivo di diventare il tuo riferimento per la consulenza privacy.

Contattaci per un preventivo. Valutare insieme le soluzioni più efficienti ed efficaci all’adeguamento a quanto in esso riportato.

Quando bisogna produrre e fornire l’informativa privacy?

L’informativa deve essere prodotta e fornita all’interessato prima di effettuare il trattamento, pertanto prima di raccogliere i dati.

Nel caso di dati personali non raccolti direttamente presso l’interessato, l’informativa deve essere fornita entro un termine ragionevole che non può superare 1 mese dalla raccolta, oppure al momento della comunicazione (non della registrazione) dei dati (a terzi o all’interessato).

Come bisogna fornire l’informativa privacy?

L’informativa deve essere fornita per iscritto e preferibilmente in formato elettronico.

Il regolamento ammette anche altre metodologie come la forma orale, purché sia comprovata con altri mezzi l’identità dell’interessato.

Il GDPR ammette l’utilizzo di icone grafiche per presentare i contenuti dell’informativa privacy in forma sintetica, ma solo “in combinazione” con l’informativa privacy estesa: queste icone in futuro dovranno essere uniformate in tutta l’Ue attraverso l’intervento dalla Commissione europea.

In base al GDPR, si deve porre particolare attenzione alla creazione dell’informativa privacy, che deve essere comprensibile e trasparente per l’interessato, attraverso l’uso di un linguaggio chiaro e semplice. In particolare, bisogna ricordare che per i minori si devono prevedere informative idonee.

Esempio di informativa Informativa ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dell’articolo 13 del Regolamento UE n. 2016/679

Il documento è una bozza esemplificativa e può essere utilizzato come modello per la creazione di un’informativa più completa e adatta alla propria organizzazione.

Clicca qui per scaricare il documento in formato MS Word

Clicca qui per scaricare il documento in formato PDF

UESE ITALIA è partner di Organismi notificati dotati delle attrezzature e competenze per l’esecuzione delle prove di sicurezza elettrica, compatibilità elettromagnetica, consumo energetico, rumore, sicurezza dall’esposizione ai campi elettromagnetici, rischio fotobiologico, prove IP ed ambientali, vibrazioni e nebbia salina. UESE è partner Organismo Notificato per le direttive EMC 2014/30/UE e Macchine 20006/42/CE. Propone consulenze pre certificazione con Auditor interni in grado di progettare sistemi di gestione evoluti con semplicità e praticità. Gestiamo in autonomia richieste per :

  • ISO 9001 - CONSULENZA PER L'IMPLEMENTAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE
  • ISO 14001 - SISTEMI CERTIFICATI PER LA GESTIONE AMBIENTALE
  • ISO 27001 - SISTEMI CERTIFICATI PER LA GESTIONE DELLA PRIVACY
  • ISO 45001 - SISTEMI CERTIFICATI PER LA GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO
  Il nostro coordinatore è Giuseppe Izzo qualificato Lead Auditor Certificazione ISO 9001 | 2015 Certificazione ISO 14001 | 2015 Certificazione ISO 22000 | 2005

Eurocertifications

Giuseppe Izzo Larisa Rusu Ernesta Cavallo

Al giorno d’oggi esistono molteplici soluzioni per accrescere il valore dell’azienda. Dalle certificazioni alle marcature CE passando per i sistemi di qualità, questi e altri attestati dimostrano in maniera istituzionale il merito, la competenza e i punti di forza di un business rispetto agli altri. I tuoi clienti hanno bisogno di sapere chi sei e perché dovrebbero scegliere i tuoi prodotti e servizi: non perdere l’occasione per distinguerti e dare prova di trasparenza e affidabilità.

La marcatura CE è un simbolo grafico ben preciso, che deve essere apposto secondo le indicazioni delle Direttive Nuovo Approccio che prevedono la marcatura CE, in maniera chiara, leggibile e soprattutto indelebile.

Le due iniziali C ed E, devono avere la stessa dimensione verticale, che non può essere inferiore a 5 mm, e in caso di riduzioni o ingrandimenti, devono essere rispettate le proporzioni indicate nel simbolo grafico graduato sopra rappresentato.

Chi sono i destinatari?

Gli operatori coinvolti, ciascuno con il proprio grado di responsabilità, nell'applicazione della normativa comunitaria di armonizzazione. L'allegato I della decisione 765/2008 li definisce così:

  • Fabbricante o produttore: persona fisica o giuridica che fabbrica un prodotto o lo fa progettare o fabbricare, e lo commercializza apponendovi il proprio nome o marchio.
  • Rappresentante autorizzato: persona fisica o giuridica stabilita nella Comunità che ha ricevuto dal fabbricante un mandato scritto che lo autorizza ad agire per suo conto in relazione a determinati compiti.
  • Importatore: persona fisica o giuridica stabilita nella Comunità che immette sul mercato comunitario un prodotto originario di un paese terzo.
  • Distributore: persona fisica o giuridica nella catena di fornitura, diversa dal fabbricante o dall'importatore, che mette a disposizione sul mercato un prodotto.

Come apporre la Marcatura CE?

Deve essere riportata sul prodotto in modo visibile, leggibile ed indelebile. Si può riportare sulla confezione/imballaggio solo se non sussistono le condizioni per apporla sul prodotto.

Perchè occorre la Marcatura CE? 

Perché imposto da direttive CEE (cioè Regolamenti europei di carattere cogente sul territorio europeo, recepite in Italia con decreti legislativi ed altri atti) che hanno lo scopo di uniformare la sicurezza dei prodotti che possono essere utilizzati nei paesi della Comunità Europea.

Cosa sono le direttive CEE ? La Comunità europea ha tra i sui ruoli istituzionali quello di promulgare le direttive che devono essere recepite dai vari paesi comunitari e quindi convertite in legge. Una volta recepite godono di piena validità giuridica e diventano punto di riferimento per costruttori, installatori, rivenditori a cui spetta adempiere agli obblighi previsti dalla legislazione. Sono documenti che fissano i requisiti essenziali dei prodotti e rinviano, se esistono, ad altre norme generali o specifiche di prodotto, per tutte le altre caratteristiche che gli stessi devono possedere.

Come individuare le direttive da applicare? Scelta la Direttiva, in base al tipo di prodotto o famiglia di prodotti, la cosa più semplice  è verificare se il prodotto rientra nel suo "campo di applicazione" in genere riportato all'art. 1 della Direttiva stessa.

Per approfondire ed inquadrare le diverse direttive di prodotto si riporta (vd fondo pagina) la guida interpretativa generale alle Direttive del Nuovo Approccio

Come effettuare la marcatura CE ? La marcatura CE apposta ad un prodotto fornisce la "presunzione di conformità": cioè l'assicurazione all'utilizzatore che quel prodotto sia conforme a tutte le direttive e norme applicabili. Pertanto l'apposizione della marcatura diventa l'atto finale di un processo che, partendo dalla progettazione fino al collaudo e alla validazione del progetto, assicura la conformità.

Come provare la conformità ? La conformità viene provata attraverso procedure che possono coinvolgere:

  • -il solo produttore
  • -oppure un ente terzo a seconda che sia richiesta la DICHIARAZIONE oppure la CERTIFICAZIONE di conformità.

Le procedure sono contenute in moduli (modulo A, B, C,....H)(vd fondo pagina) scaturiti dalla Decisione Comunitaria 93/45/CEE (vd. fondo pagina) del 22 luglio 1993, concernente i moduli relativi alle diverse fasi delle procedure di valutazione della conformità e le norme per l'apposizione e l'utilizzazione della marcatura CE di conformità, da utilizzare nelle direttive di armonizzazione tecnica

Cosa è la "dichiarazione di conformità" ? E' un atto con il quale il costruttore (o chi per lui - importatore) dichiara che quel prodotto è conforme alla direttiva ( o direttive ) e norme armonizzate applicabili.

Cosa sono le norme "armonizzate" ? Sono norme le quali , dopo pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della comunità Europea, vengono recepite dagli stati membri. La loro applicazione garantisce la presunzione di conformità del prodotto.

Come è il simbolo grafico CE?

Simbolo grafico formato dalle lettere C E  di forma, dimensioni e proporzioni stabilite dalla Comunità Europea.

Dimensioni: definite per ciascun elemento (H, L, barra centrale della E, spessore) sulla base del simbolo grafico di riferimento, riportato su carta millimetrata per facilitarne la riproduzione corretta in qualsiasi dimensione. Altezza Minima: 5 mm. In vaso di riduzione o di ingrandimento devono essere rispettate le proporzioni. Non deve essere deformato.

Elenco delle principali categorie di prodotti/rischi che prevedono la marcatura:

- Materiale elettrico a bassa tensione;

- Recipienti semplici a pressione e Attrezzature a pressione

- Giocattoli;

- Prodotti da costruzione e Ascensori;

- Macchine;

- Dispositivi di protezione individuale;

- Strumenti di misura e Strumenti per pesare a funzionamento non automatico;

- Dispositivi medici e Dispositivi medici impiantabili attiviti;

- Dispositivi medico diagnostico in vitro;

- Apparecchi a gas e Caldaie ad acqua calda;

- Esplosivi per uso civile;

- Apparecchi destinati a essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva;

- Imbarcazioni da diporto;

- Apparecchi di refrigerazione requisiti energetici;

- Apparecchi radio e apparecchiature terminali di telecomunicazioni;

- Compatibilità elettromagnetica;

- Progettazione ecocompatibile dei prodotti che consumano energia

All’interno della norma UNI EN 1090 vengono individuati i punti chiave per ottenere la marcatura CE relativa alle componenti in acciaio o in alluminio. Il rispetto della UNI EN 1090 è obbligatorio per la realizzazione di capannoni, intelaiature per edifici pubblici e privati, uffici, ponti, viadotti, tralicci, stadi, tensostrutture e numerose altre infrastrutture, al fine di garantire la qualità e sicurezza secondo gli standard della comunità Europea.

IMPLEMENTARE IL MARCHIO CE SECONDO LA UNI EN 1090

Dalle pensiline ai portali di sostegno, dalle scale di emergenza alle tettoie… sono moltissimi gli esempi di strutture in acciaio o alluminio che necessitano del marchio CE secondo la UNI EN 1090. L’implementazione di questa norme, divenuta obbligatoria in Italia e nel resto d’Europa a partire dal 1° luglio 2014, ha permesso di uniformare i canoni costruttivi delle aziende che operano in questi comparti, assicurando agli utenti finali l’applicazione di procedure ben precise, in primo luogo per quanto riguarda le attività di piegatura e saldatura. Tolleranza dimensionale, saldabilità, tenacità, resistenza al fuoco ed emissione di sostanze pericolose sono solo alcune delle numerose voci previste dalla norma UNI EN 1090 per chi realizza strutture in acciaio e alluminio in Italia e nei paesi della Comunità Europea.

IL SUPPORTO DI UESE PER CONSEGUIRE LA UNI EN 1090

La complessità della normativa UNI EN 1090 rende indispensabile il ricorso a un’agenzia di servizi esterna, in grado di fornire ad aziende, imprese e attività commerciali un supporto completo e su misura per il conseguimento della marchiatura CE. UESE rappresenta in questo senso un punto di riferimento per chi cerca un partner serio e qualificato, attivo in tutta Italia per effettuare sopralluoghi sul posto e offrire consulenza immediata. Grazie a uno staff specializzato e alla disponibilità di strumentazioni tecniche di ultima generazione, UESE è pronta ad assistere il cliente con estrema professionalità, dal primo incontro conoscitivo all’espletamento delle pratiche burocratiche. I nostri servizi interessano ambiti disparati quali la sicurezza, le certificazioni, l’ambiente e la formazione, l’ideale per avere sempre risposte certe e personalizzate sotto qualsiasi punto di vista.

Quali attività hanno l’obbligo di mettersi in regola con la normativa HACCP? Cosa sono i corsi di formazione HACCP? Queste e altre domande sono basilari per molteplici attività commerciali e produttive e meritano adeguate risposte. UESE ITALIA S.p.A. opera in tutta Italia per fornire ai suoi clienti un servizio di consulenza immediato e completo in materia di HACCP, igiene alimentare e sicurezza sul posto di lavoro.

DALL’IGIENE ALLE PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO HACCP

La consulenza HACCP mette aziende e lavoratori al riparo da errori e sanzioni, garantendo al tempo stesso maggiore sicurezza durante l’intero processo di produzione di un alimento.

Analisi e monitoraggio sono due aspetti essenziali di una consulenza in quanto permettono di verificare il sussistere di determinate condizioni di rischio o pericolo. Altrettanto indispensabile risulta l’attività di formazione del personale, un obiettivo che si può attuare grazie ad appositi corsi di 12, 8 o 4 ore, a seconda della mansione ricoperta dal lavoratore.

UESE ITALIA è in grado di rispondere a queste ed altre esigenze con un servizio di consulenza su misura, pensato per una gestione integrata delle scadenze e degli adempimenti burocratici. Il nostro team ha sede a Venezia, ma lavora in tutta Italia ed è a disposizione del cliente finale per sopralluoghi e perizie sul posto. Contattaci per attivare la collaborazione!

 VERIFICHE ISPETTIVE PERIODICHE

In termini di autocontrollo aziendale le verifiche della corretta applicazione del piano risultano effettuate ogniqualvolta si compiono le verifiche ispettive. Nel corso di queste, oltre ad una valutazione visiva del livello igienico dei locali e delle attrezzature, del corretto comportamento degli operatori, del rispetto delle procedure operative, della corretta compilazione della modulistica, vengono effettuati tamponi per l’analisi microbiologica sulle attrezzature utilizzate e prelevati campioni di prodotti alimentari in lavorazione o stoccaggio, così come specificato nel piano di campionamento allegato alla presente sezione.

In caso di esiti analitici non conformi si provvederà  a verificare la corretta applicazione delle procedure operative descritte nel presente manuale adottate per garantire la conformità ai criteri che definiscono l’accettabilità del processo di produzione (controlli delle materie prime, dello stato di igiene dei locali e delle attrezzature, della temperatura e della conservabilità dei prodotti).

Dovrà inoltre essere verificato il corretto funzionamento dei termometri  con un termometro con riferibilità SIT.  Evidenza di tale controllo deve essere registrata sul modulo manutenzione e taratura.

RIESAME DEL PIANO DI AUTOCONTROLLO

Una volta l’anno il gruppo di lavoro per l’HACCP considera le risultanze emerse nel corso dell’anno circa:

  • Rispondenza della parte documentale con la realtà aziendale
  • Infestanti: risultanze degli interventi della ditta esterna, non conformità riscontrate, reclami ad essi imputabili
  • Prerequisiti aziendali: strutturali e gestionali
  • Personale: coscienza e rispondenza alle procedure
  • Numero e tipologia dei reclami ricevuti
  • Numero e tipologia delle problematiche emerse nel corso dell’anno
  • Non conformità registrate da parte del servizio ASL competente

Si prendono quindi decisioni in merito ad ogni punto e si propongono eventuali modifiche al piano stesso.

 NON CONFORMITÀ RICORRENTI

In caso di non conformità ricorrenti per le quali è chiaro che le azioni correttive messe in atto non sono risultate sufficienti al fine di evitare il ripetersi di dette Non conformità, il gruppo di autocontrollo mette in atto la procedura descritta al paragrafo precedente in via straordinaria analizzando quindi l’intero sistema messo in atto per evitare il ripetersi delle non conformità ricorrenti.

LABORATORIO, KNOW HOW, SOFTWARE, CORSI DI FORMAZIONE

Rivolgersi a noi vuol dire poter contare su un servizio di consulenza HACCP qualificato e su un’assistenza rigorosa e puntuale. Oltre alla competenza maturata nel corso degli anni, offriamo alle aziende la possibilità di usufruire del laboratorio interno, attrezzato per le dovute analisi degli alimenti e dei macchinari. Al laboratorio si affiancano i software e gli strumenti tecnici di ultima generazione, garanzia di affidabilità e precisione.

In caso di necessità, UESE ITALIA è inoltre punto di riferimento per la formazione di responsabili e dipendenti in ottica di conseguimento dell’abilitazione HACCP. I nostri corsi per alimentaristi sono diretti da specialisti abilitati con una lunga esperienza come formatori a tutti i livelli. Organizza con noi il tuo corso per HACCP direttamente in azienda!

Vedi il negozio

ArabicBulgarianChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianMaltesePortugueseRussianSpanish
Cart Item Removed. Undo
  • No products in the cart.
WhatsApp Contattaci su WhatsApp

Mascherine Filtranti 100% MADE IN ITALY

Acquista le mascherine filtranti per te e per i tuoi cari !

Artigiani Veneti e UESE ITALIA uniti contro l’emergenza Sosteniamo insieme la nostra comunità!
Alcune aziende del tessile e della moda Made in Italy hanno deciso di  convertire una parte della produzione per creare mascherine  filtranti dando così il loro concreto  contributo.