Incarico Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione esterno

In tutte le aziende è necessario che il datore di lavoro incarichi un RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione), in taluni casi il datore di lavoro può svolgere autonomamente tale ruolo (allegato II al d.lgs. 81/08) negli altri casi dovrà rivolgersi ad un professionista che soddisfi i requisiti previsti dall’art. 32 del d.lgs. 81/08. Il Responsabile è la testa del Servizio di Prevenzione e Protezione Aziendale e per svolgere i propri compiti potrà essere affiancato da altri operatori definiti Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (ASPP).

UESE Italia ha in organico tecnici specificamente competenti nei vari macrosettori ATECO in modo da poter garantire la massima competenza ai propri clienti.

Il Servizio di prevenzione e protezione è “l’insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all’azienda finalizzati all’attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori” D.lgs. 81/08, art. 2, lettera l); le persone che ne fanno parte sono nominate dal datore di lavoro ed hanno il compito di collaborare con lui alla redazione del Documento di Valutazione dei Rischi, nelle attività di prevenzione e protezione dai rischi e nella progettazione dei corsi di formazione per la sicurezza per i dipendenti.

Il Servizio di Prevenzione e Protezione è composto da un Responsabile (R.S.P.P.) e, eventualmente, da Addetti (A.S.P.P.) in possesso di adeguate capacità e requisiti professionali. Il numero massimo di addetti lo stabilisce il datore di lavoro in base alle necessità aziendali; il numero minimo è una unità. Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione è nominato dal datore di lavoro e la sua nomina deve essere riportata nel documento di valutazione dei rischi.

Il datore di lavoro ha la facoltà di nominare un responsabile esterno all’azienda per tutti gli adempimenti legislativi previsti e quindi un tecnico della UESE ITALIA S.p.A. è in grado di mettere a disposizione i propri consulenti per l’assunzione dell’incarico per svolgere le funzioni suddette.

Affidare ad un consulente esterno, laddove è possibile, l’incarico di R.S.P.P. permette al datore di lavoro di demandare a terzi l’espletamento di qualsiasi attività burocratica relativa al D.lgs. 81/08.

In questo modo l’azienda si arricchisce di una figura altamente qualificata che gestisce i rapporti con gli enti di controllo, redige ed aggiorna i documenti relativi alla gestione della sicurezza, si coordina con il medico competente relativamente al piano sanitario ed ai sopralluoghi previsti, organizza le riunioni periodiche di sicurezza con il datore di lavoro, il Rappresentante dei lavoratori e il medico competente, cura l’aggiornamento normativo/legislativo, fornisce un servizio di assistenza telefonica all’azienda per le problematiche inerenti la sicurezza sui luoghi di lavoro.

I nostri consulenti saranno di supporto al datore di lavoro per l’attuazione e il miglioramento delle misure di prevenzione, ponendo sempre al primo posto la tutela della salute e integrità fisica dei lavoratori, e non trascurando le disponibilità economiche dell’azienda.